L’ IX edizione di Blue Sea Land si svolgerà dal 22 al 25 ottobre 2020

Blue Sea Land, Expo dei Cluster del Mediterraneo, dell’Africa e del Medio Oriente, fin dalla sua prima edizione ha avuto l’obiettivo di sviluppare cooperazioni diplomatiche, scientifiche ed economiche tra numerosi Paesi, partendo dal Mediterraneo e giungendo ai Paesi bagnati dall’Oceano Indiano.

nuova situazione pandemica ha ridotto la mobilità delle persone modificando la comunicazione, la promozione e la diffusione di informazioni. Per queste ragioni, Blue Sea Land si rinnova e precorre un nuovo modo di organizzare l’evento.

Questa nona edizione sarà completamente digitale, con una nuova veste predisposta per tutte le attività che caratterizzano la manifestazione. Blue Sea Land si presenterà al mondo rivoluzionando l’esperienza di visita e le opportunità di divulgazione dei temi che hanno a che fare con il futuro del mare.

Un evento, organizzato dal Distretto della Pesca e Crescita Blu, che proporrà l’interazione digitale di illustri accademici, economisti e diplomatici, per contribuire con idee, proposte, progetti ed energie, ad un sentire unico per la rigenerazione delle risorse ambientali.

Per l’edizione 2020, quindi, il visitatore avrà modo di fare un viaggio interattivo tra i Paesi che hanno aderito all’iniziativa, partecipare a numerosi convegni ed assistere ad eventi coinvolgenti. Gli operatori del settore, inoltre, potranno partecipare ad incontri di cooperazione economica e commerciale e consolidare o penetrare nuovi mercati.

La forza di Blue Sea Land diventa la rete, la possibilità cioè di condividere know-how ed esperienze e mettere in tavola i problemi con accanto le possibili soluzioni. Dal 22 al 25 ottobre 2020 vi aspettiamo in piattaforma per un viaggio interessante e straordinario.

Blue Economy.

Grazie all’attività di cooperazione economico-istituzionale svolta negli anni dal Distretto della Pesca, con il supporto della Regione Siciliana, dell’Osservatorio della Pesca del Mediterraneo si è potuta rafforzare l’iniziativa di promozione e sviluppo del modello distrettuale fra gli operatori economici di queste aree, per la creazione di un benessere diffuso tra le popolazioni. Alla luce dei mutati scenari economico-politici che hanno caratterizzato i paesi rivieraschi, la Sicilia si trova a svolgere un ruolo di primo piano nello spazio di cooperazione internazionale nel bacino delMediterraneo.

La Blue Economy è l’economia della responsabilità, individuale e collettiva, che parte dal mare, dalla Sicilia, ma che non si esaurisce nel mare e con il mare. Tale modello di sviluppo non riguarda infatti soltanto la pesca, ma si estende a tutte le filiere produttive, dall’agroindustria, al manifatturiero, al turismo. La Blue Economy nasce dal classico concetto di sviluppo sostenibile, ma va oltre, sviluppandosi verso quattro specifiche direttrici di sostenibilità: economica, sociale, ambientale e culturale. Blue Sea Land è molto più che un’Expo: è un laboratorio che divulga tutti i campi di applicazione della Blue Economy, attraverso gli incontri scientifici, gli eventi culturali e gli spettacoli, i laboratori del gusto e l’innovazione tecnologica.

X