Riconosciuti i distretti produttivi siciliani

Nell’ambito del programma di iniziative della nona edizione di Blue Sea Land è stato organizzato un interessante convegno sui Distretti produttivi siciliani. Nel mese di luglio tredici distretti in Sicilia, dopo un lungo e proficuo iter burocratico curato dall’Assessorato Regionale alle Attività Produttive, hanno ricevuto il riconoscimento. Si tratta di aggregazioni di piccole e medie imprese ad alta specializzazione produttiva. I distretti, grazie anche alla recente costituzione di una consulta, elaboreranno efficaci strategie di sviluppo del tessuto economico siciliano per la prossima programmazione europea 2021-2027.  Fare distretto significa uscire dalla solitudine ed entrare in un clima di collettività.

I distretti, tra rinnovi e nuovi riconoscimenti, sono tredici e sono distribuiti su tutto il territorio regionale: il Distretto Pesca e Crescita Blu a Mazara del Vallo, a Catania il Distretto Agrumi di Sicilia, sempre nella provincia etnea ci sono il Distretto del Ficodindia di Sicilia a San Michele di Ganzaria e il distretto della pietra lavica di Belpasso, a Palermo si trovano invece Distretto Meccatronica, il Distretto della moda Mythos e il Distretto nautico del Mediterraneo, a Ragusa il Distretto orticolo sud-est Sicilia insieme al Distretto Lattiero Caseario, il Distretto Ecodomus specializzato nella filiera edilizia e delle energie rinnovabili a Licata, nel nisseno a Mazzarino ha sede il Distretto Frutta secca di Sicilia mentre il Distretto Filiera delle Carni sorge a Messina e a Siracusa il Distretto ortofrutticolo di qualità. Presto vi faremo conoscere queste importanti realtà della nostra Sicilia!

Il Distretto produttivo della Meccatronica con l’esplosione della pandemia da Covid-19, ha sfruttato le dinamiche smart che contraddistinguono la filosofia produttiva ed ha messo in campo un progetto innovativo “MihS”, Industrie Meccatronica Sicilia, diventando il primo impianto del Sud Italia, una newco unica nel panorama nazionale. Quattro imprese del Distretto hanno riconvertito le loro produzioni dando vita a mascherine chirurgiche (in due tipologie e con fragranze siciliane), Ffp2, tute sanitarie, visiere in 3D e gel igienizzante, rigorosamente ‘made in Sicily’. Nonostante la pandemia il Distretto ha continuato, tra mille difficoltà, a sviluppare gli asset tradizionali, stringendo collaborazioni con gli Emirati Arabi Uniti, l’Ungheria e l’Olanda.

Il Distretto della Moda Mythos ha l’obiettivo di valorizzare e promuovere il made in Sicily nel settore tessile sui mercati internazionali, intraprendere o rafforzare, ove già presenti, rapporti commerciali con la Russia e la Cina, puntare su ricerca e innovazione per migliorare la competitività. Il nome “Mythos” per il Distretto, parte dalla mitologia,  dalla tradizione: la Sicilia è una terra mitologica, una terra di grandi culture.

Il Distretto della Frutta Secca è composto da cento aziende siciliane che producono mandorle, nocciole, pistacchi e carruba. Si tratta di settori che giocano un ruolo rilevante nel sistema agroalimentare dell’Isola e adesso sono riunite all’interno di uno straordinario strumento di aggregazione e sviluppo. Decine di migliaia di ettari di impianti, tradizionali ed innovativi, che garantiscono produzioni eccellenti a vantaggio di un sistema di lavorazione e trasformazione che hanno reso la Sicilia un punto di riferimento nel mondo. Alcune tra le realtà del Distretto: AProMaS (Associazione Produttori Mandorla di Sicilia), un marchio collettivo certificato con attività dell’Istituto Regionale Vite e Olivo della Regione Siciliana, le aziende della Cooperativa Smeraldo  legate alla DOP Pistacchio verde di Bronte, il Consorzio di Tutela del Pistacchio verde di Bronte e il Consorzio della Mandorla di Avola.

Il Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia è una libera aggregazione d’imprese ed enti della filiera agrumicola siciliana con l’obiettivo fondamentale di valorizzare, con il brand Sicilia, tutte le tipologie di agrumi di qualità, freschi e trasformati, prodotti nell’isola, e poter, quindi, elaborare e condividere strategie comuni a sostegno dell’intera filiera in termini di produzione, commercializzazione e trasformazione in Italia ed all’estero.  Sulla base del Patto di Sviluppo approvato dalla Regione il distretto si propone quale strumento di crescita condivisa e partecipata del comparto.

Il Distretto Produttivo Ortofrutticolo di Qualità della Sicilia è costituito da operatori economici,  imprese di servizi e di mezzi tecnici per l’agricoltura. La vision del distretto è quella di convertire l’insieme delle filiere e dei territori rappresentativi del comparto ortofrutticolo regionale in una “smart community”, ossia un’area comune in cui condividere servizi, innovazioni, tutela del territorio e promozione dello sviluppo economico, soprattutto orientato alla promozione delle risorse agricole ed agroalimentari del comparto ortofrutticolo ed ancora delle risorse culturali ed ambientali dei territori. In tale ottica, l’obiettivo generale è quello di valorizzare e rendere maggiormente competitive le produzioni ortofrutticole locali di qualità, sistematizzando le filiere connesse in un unico cluster rappresentativo dell’intero comparto.

Il Distretto Produttivo del Ficodindia di Sicilia si propone di valorizzare la produzione e il consumo del fico d’India siciliano. Il Distretto conta attualmente 70 professionisti della filiera produttiva, fra raccoglitori e contadini, e 30 rappresentanti di enti pubblici. Obiettivo principale del Distretto è quello di creare rete fra i quattro maggiori poli produttivi delle zone di Santa Maria del Belice, Roccapalumba, San Cono e Belpasso, in modo da creare le giuste sinergie per essere quanto più competitivi sul mercato regionale e nazionale. In Sicilia, sono ben 4000 gli ettari dedicati alla coltivazione della pianta. La Sicilia detiene infatti il monopolio del mercato italiano e oltre il 90% del mercato comunitario.



X